Centro di educazione ambientale  energetica Loc. Pizzofreddo 14/a - Santa Maria della Versa – PV 

Tel. 339 79.87.249   E-Mail: info@energetica.it

Casella di testo: Spegni lo spreco accendi lo sviluppo
Viaggio nel sud e nel nord dell’energia


Casella di testo: > Le mostre spettacolo
Casella di testo: > Animazione sul territorio
Casella di testo: > Gli impianti
Casella di testo: > Progetti per le scuole
Casella di testo: GreenSpot
Casella di testo: > Cosa offriamo
Casella di testo: > Dove siamo
Casella di testo: > Contatti
Casella di testo: > Home

Destina il 5 per mille a energetica: 910 790 403 32

Casella di testo: > Galleria immagini

Gli obiettivi specifici perseguiti sono:

 

diffondere l’informazione sull’interdipendenza Nord-Sud e sull’emergenza ambientale attraverso strumenti interattivi comunicativi ad ampio raggio e in particolare mirati alla sensibilizzazione nelle scuole;

 

rivedere i  modelli di consumo del Nord  e cercare alternative percorribili per poter avviare un cambiamento concertato con le popolazioni in via di sviluppo.

 

proporre buone pratiche nel consumo dell’energia, sia individuali e familiari così come nell’organizzazione collettiva; pratiche che promuovano la riduzione dei consumi, l’efficienza energetica e l’uso di fonti rinnovabili.

 

sensibilizzare le organizzazioni che realizzano progetti di cooperazione internazionale a mettere in discussione i modelli energetici attuali e a privilegiare azioni che prevedano l’impiego di tecnologie appropriate;

 

collegarsi al progetto al Decennio UNESCO per l’educazione allo sviluppo Sostenibile (D.E.S.S.) ponendo in relazione il tema energetico con le tematiche ambientali, sociali e culturali del Nord e del Sud del mondo. 

 

La mostra offre un approccio positivo e trasversale  a temi che, di per sé, potrebbero ingenerare ansia e sentimento di impotenza nei giovani visitatori. Per questo motivo si sono scelte modalità comunicative multimediali e vivaci: la mostra non è altro che una sorta di scenografia, all’interno della quale l’animatore interagisce con i visitatori tramite exhibit, videoproiezioni, letture e giochi.

 

L’intento è quello di ingenerare un sentimento del possibile. La convinzione che, subito, ognuno di noi può mettersi in gioco,  fare qualcosa per rispondere alle grandi sfide a cui siamo chiamati.

 

Il percorso della mostra si snoda attraverso l’analisi delle criticità del presente (i rischi legati ai mutamenti climatici, al degrado ambientale e all’esaurimento delle risorse) come pure l’esame delle grandi disparità che contraddistinguono Nord e Sud del Mondo. Vi sono videoproiezioni, letture tratte da opere di grande attualità e valore come “Un mondo senza povertà” del premio Nobel M.Yunus e riflessioni di studiosi come W. Sachs e il Wuppertal Institut o come A.Lovins e il Rocky Mountains Institute.

 

La mostra non presenta solo le grandi questioni aperte, offre, al contrario, numerosissimi esempi di buone pratiche che vanno nella direzione di soluzioni percorribili, a Nord e a Sud.

 

Si passano in rassegna vari ambiti del vivere quotidiano ABITARE, MANGIARE, SPOSTARSI, COMUNICARE, DIVERTIRSI e, per ognuno di questi, si propongono azioni innovative che sono già state messe in atto con successo ovvero sono allo studio.

 

La nostra scelta personale, quella delle organizzazioni che hanno dato vita a questa iniziativa, è stata quella di intessere una rete a livello italiano (nord, centro e sud) per spingere insegnanti, studenti, famiglie e società civile a non chiudere gli occhi di fronte alle grandi sfide che ci si propongono, ma di cogliere l’occasione per iniziare un grande cambiamento subito. La mostra infatti si conclude con l’offerta di collaborare alle iniziative già in atto e di promuoverne di nuove. Il sito “Spegnilospreco” sarà l’occasione per riprenderle, valorizzarle e metterle a disposizione di chi vorrà raccogliere il testimone.

 

 

La mostra, in esposizione a partire da febbraio 2008, viene fatta circolare in tre copie (nord, centro e sud Italia) e circuita in istituti scolastici, sale comunali, spazi culturali di associazioni, con eventi pubblici di presentazione che coinvolgono la cittadinanza.